Seleziona una pagina

Cosa sono le faccette dentali?

Le faccette dentali, anche conosciute come «veneers«, sono sottilissime lamine in disilicato di litio, ceramica o composito che vengono incollate per mezzo di un’apposita resina sulla superficie dei denti per migliorarne l’aspetto (forma, posizione, colore). Rispetto agli effetti dello sbiancamento dentale, soggetti a deteriorarsi, il bianco ottenuto con le faccette dentali è più stabile e duraturo nel tempo e non richiede particolari cure se non, ovviamente, un’attenta e regolare igiene orale. Nel caso di interventi sulla forma e sulla posizione dei denti, le faccette sono come delle «mini-ricostruzioni» in grado di correggere difetti di varia natura, dai denti storti o scheggiati a quelli affetti da diastema, fornendo al tempo stesso anche un validissimo aiuto per il recupero delle funzionalità masticatorie e della salute generale dei denti.

Quante sedute occorrono per realizzare le faccette dentali?

L’applicazione delle faccette dentali prevede diverse sedute. Nel corso delle primissime visite, lo specialista si occuperà innanzitutto di raccogliere il materiale necessario allo studio delle condizioni del paziente, tramite per esempio foto e radiografie. Grazie a queste prime informazioni sarà già possibile avere un’idea della soluzione più adatta al caso in esame. Per stabilire nel dettaglio come intervenire, nelle sedute successive, lo specialista applicherà poi al paziente dei mock-up, ovvero delle faccette rimovibili che saranno fondamentali per elaborare quelle definitive e garantire così un risultato estetico soddisfacente. Qualsiasi tipo di modifica si riveli necessaria, viene eseguita in questo stadio. Grazie al rilevamento delle impronte dentali, l’odontotecnico realizzerà delle faccette che verranno applicate provvisoriamente sui denti e dovranno essere tenute dal paziente per circa 15 giorni, terminati i quali si passerà all’applicazione delle faccette definitive in ceramica,  composito o disilicato di litio.

5 vantaggi delle faccette dentali

L’applicazione delle faccette dentali comporta una gran quantità di vantaggi, vediamone insieme alcuni:

  1. Da un punto di vista prettamente estetico, la particolare resina utilizzata per far aderire le faccette ai denti è del tutto invisibile e garantisce quindi, non solo una perfetta tenuta, ma anche la massima discrezione.
  2. Le faccette rendono il sorriso più bianco e splendente rispetto allo sbiancamento tradizionale e la superficie dentale è meno incline a macchiarsi di nuovo.
  3. Dei materiali utilizzati, la ceramica è tra i più resistenti, inoltre richiede una minima manutenzione ed è poco soggetta a deteriorarsi nel corso del tempo.
  4. Con le faccette è possibile non solo intervenire sui difetti estetici per ottenere un sorriso più bello e radioso, ma anche agire su molti problemi di salute orale. Le faccette sono indicate ad esempio per correggere un eccessivo spaziamento tra i denti oppure per restaurare elementi dentari scheggiati o deteriorati da bruxismo.
  5. Rispetto all’installazione di una corona, la loro applicazione è poco invasiva e totalmente indolore. Inoltre, richiede poche sedute e una minima limatura dei denti.

Le faccette dentali possono staccarsi o rompersi?

Per garantire la massima durata delle faccette dentali ci sono alcuni accorgimenti che è raccomandabile osservare. Innanzitutto è indispensabile che denti e gengive siano sani e in buone condizioni per procedere all’applicazione, ecco perché è importantissimo sottoporsi a una visita specialistica prima di intraprendere questo trattamento. Anche se le faccette (soprattutto quelle in ceramica) non richiedono una speciale o approfondita manutenzione, è bene inoltre rispettare una regolare routine di igiene orale e prestare particolare attenzione nei giorni immediatamente successivi all’intervento. Ci sono azioni e abitudini che è raccomandabile evitare, per esempio mangiarsi le unghie, digrignare i denti o masticare cibi troppo duri che possono scheggiare o rompere le faccette appena applicate. Buona parte della riuscita dipende però anche dai materiali utilizzati e dalla loro qualità. A questo proposito, optare per la ceramica darà sicuramente risultati migliori e più duraturi rispetto al composito. Per quanto riguarda invece il materiale adesivo, non si corre il rischio che le faccette si stacchino se viene impiegata una resina di buona qualità e se la cementazione viene effettuata seguendo la corretta procedura, motivo per cui è estremamente importante anche scegliere un centro serio e professionale.

Quanto durano le faccette dentali?

Come abbiamo visto, ci sono diversi fattori che concorrono a una maggiore o minore durata delle faccette dentali. Una regola sempre valida è senz’altro quella di dedicare tutti i giorni il tempo necessario a una completa rigorosa igiene orale. Altrettanto importante è fissare visite periodiche dal dentista per controllare lo stato di salute dei propri denti e sottoporsi regolarmente a pulizie di tipo professionale. È infine fondamentale scegliere un centro di qualità e un professionista serio e con esperienza che possa seguirci in questo percorso. La durata delle faccette, al di là di queste indicazioni generali, è comunque soggettiva variabile anche in base al grado di cura e alle attenzioni prestate dal paziente.

Faccette in ceramica, disilicato di litio o composito?

Le faccette dentali possono essere realizzate in vari materiali. Vediamo adesso quali sono le principali differenze tra loro. Il materiale più economico è il composito, che è anche la stessa sostanza con cui vengono realizzate le otturazioni. Se da un parte il costo è più contenuto rispetto alla ceramica o al disilicato di litio, è vero anche che il composito presenta una qualità leggermente inferiore e richiede una cura più scrupolosa da parte del paziente in quanto è più soggetto a deteriorarsi e perdere brillantezza con il passare del tempo. Al contrario, la ceramica e il disilicato di litio, (ossia una vetroceramica ancora più resistente della ceramica stessa), sono materiali eccellenti che presentano estrema solidità e resistenza e hanno bisogno di una manutenzione minima rispetto al composito. La differenza di prezzo, in entrambi i casi, è perfettamente compensata dall’impeccabile resa estetica e funzionale.

Cosa puoi ottenere con le faccette dentali?

Applicare le faccette dentali equivale a cambiare radicalmente il proprio sorriso. I risultati che si possono ottenere grazie alle faccette sono sorprendenti, in modo particolare se si considerano i tempi estremamente ridotti di applicazione e la natura indolore del trattamento. Riassumendo, ci sono quindi molte buone ragioni per scegliere di collocare le faccette dentali, tra queste:

  • Sfoggiare un sorriso più bianco e brillante. L’applicazione di queste sottilissime mascherine in ceramica «camuffa» qualsiasi imperfezione dello smalto.
  • Ottenere un sorriso più sano e funzionale. Le faccette possono essere utilizzate per ridare ai denti una forma e una posizione corretta e armoniosa, aiutando anche a risolvere tutti i problemi masticatori derivanti.